6642050213_12a994a6d4

Letterine di Natale

Segue dal post vin brulé

Letterina

Nella settimana precedente l’evento del 18 dicembre agli orti regolamentati avevamo lasciato, infilata nella porta di ogni capanno, delle letterine da compilare che così recitavano:
Tutti i progetti hanno i loro problemi,
gli orti regolamentati non fanno eccezione. Chi li conosce meglio di voi?
Aiutateci a risolverli scrivendo le vostre proposte.
Compilate la letterina qui sotto con le vostre idee e chissà che Babbo Natale non ci aiuti!

Purtroppo ne sono state scritte solo 10, che su 100 orti sono ben poche. Ma è vero che una buona metà non erano stata neanche ritirata perché in questo periodo dell’anno sono pochi gli ortolani che fanno visita settimanalmente agli orti.
Trascriviamo qui le letterine, i cognomi sono stati omessi per discrezione:

Letterina b Letterina a

Torino 18-12-11
Sono l’ortolano del N° 10, mi congratulo con l’associazione che si è presa la briga di pulire le nostre disordinate e sgradevoli porcherie
[si riferisce al compost] messe qua e la in tutti i settori non adeguati ai loro settori e bidoni a loro disposizione. Per tanto nel periodo di 4 anni che coltivo l’orto noto la molta disorganizzazione dell’operato della Circoscrizione n° 10, il non interessamento verso i regolamenti inerenti all’andamento degli orti in quanto le recinzioni dovevano essere di un unico tipo, tutte uguali e uniformi in base all’altezza di m 0,90, noto molto disordine. Mi ha fatto piacere oggi pomeriggio alla rotazione delle colture, avere conferma dal presidente Marco Novello di quella famosa proroga inerente la conduzione degli orti. Ulteriore gioia l’operato della Sig.ra Isabella e colleghi per quanto hanno fatto per gli ortolani, sia per l’enorme pulizia e per far si che il parco orti diventi di giorno in giorno più presentabile alle scolaresche che, in seguito della bella stagione, verranno da noi chiedere informazioni. In seguito terremo in efficiente al massimo in ordine e presentabili i nostro orti dalla consegna ridata.
Porgo i miei migliori Saluti e Auguri
M. Ottavio

________________________________________
1 Combattere furto dei giardini Controllo delle forze dell’ordine più spesso
2 mettere telecamere
________________________________________
Io sottoscritto T. Cosimo residente a Torino via RODOLFO MORANDI n° […] ortolano dal 2006 a MIRAFIORI SUD, Strada del castello ho FATICATO la terra ZAPPANDOLA duramente, togliendo le pietre per renderla migliore per l’orto. Avrei piacere di continuare a coltivare l’orto, PERCHÉ me piace la terra e anche la natura. Facendo presente al coordinatore e presidente e tutta la Circoscrizione 10, che io con tanto piacere e con voi assieme voglio potere andare avanti.
Tolgo [lapsus freudiano?] l’occasione di augurarvi un buon Natale e Felice anno Nuovo a tutti voi della Circoscrizione 10
Data 18/12/2011 T. Cosimo
________________________________________
Io sottoscritto M. Giovanni, gestore dell’orto n° 51, come da accordi intrapresi dall’assemblea svoltasi il 7 dicembre 2011, esprimo il mio desiderio per il prolungamento nella gestione del suddetto orto fino all’autunno del 2017 restando in attesa di un riscontro da parte vostra in merito, colgo l’occasione per rinnovare i miei migliori auguri per le imminenti feste di fine anno.
M. Giovanni
Via Gian Giacomo Plantieri n° […] 10135 (TO)
GRAZIE-BUON-NATALE [scritto in fondo dalla mano di un bambino]
________________________________________
IO VORREI PIÙ COOPERAZIONE NEL GESTIRE LE COSE, PIÙ CONTROLLI PER I FURTI CHE FANNO, CI PIACE FARE COMUNITÀ
________________________________________
CONTROLLO CONTRO I FURTI, RECINZIONI, MANUTENZIONE, MOMENTI RICREATIVI
________________________________________
VOGLIO CHE L’AREA VICINO I BAGNI PUBBLICI SIA ADIBITA A UN’AREA DOVE POSSO CUCINARE LA CARNE ALLA GRIGLIA CON I MIEI NONNI E DOVE POSSA GIOCARE LIBERAMENTE SENZA PROBLEMI
GRAZIE
________________________________________
QUANDO SI CHIUDE L’ACQUA PER ANNAFFIARE BISOGNEREBBE LASCIARE APERTA L’ACQUA PER “BERE” !
RIGUARDO AL LETAME AVREMMO BISOGNO UN PUNTO DI RIFERIMENTO SEMPRE, PER CHI COME ME CHE NON HA L’AUTO O SERVE QUALCUNO CHE MI ACCOMPAGNA A PRENDERLO!
BUON NATALE A TUTTI!!

________________________________________

Per quanto riguarda la parità di tutti gli ortolani, come mai nessuno ha mai fatto notare che le piastrelle verso il ripostiglio degli attrezzi non andavano spostate e modificate la detta corsia? Alcuni addirittura si sono fatti una base in blocchi mentre non si dovrebbe restringere la metratura dell’orto. In alternativa, si devono far spostare le chiamiamole, vasche per il compost, che ognuno si è fatto in grandezza e norme, ma nei mesi estivi mandano una puzza enorme in tutto il campo, specie quello fatto dal n°9 che è proprio all’ingresso degli orti, in alternativa le corsie dei passaggi fanno veramente pena.

In questi orti mancano severi controlli. Grazie

________________________________________

Sono un ortolano il più sfigato di tutti, mi rubano continuamente i miei frutti ovvero le verdure di tutti i tipi. Qualcuno ha consigliato una telecamera, ma siamo pazzi? In alternativa, secondo la mia opinione, sarebbe meglio se possibile una recinzione al proprio orto robusta e di un’altezza almeno di metri 1,10 invalicabile e se qualcuno, come a volte capita, varca viene segnalato a chi di dovere.

Un ortolano incavolato quanto mai. 

Salute e Buone feste a tutti

Molti degli ortolani parlano della riassegnazione dell’orto. L’orto è stato assegnato per un periodo di 5 anni, ora gli ortolani dovrebbero partecipare al nuovo bando al quale viene data la priorità alle persone che in questi anni sono rimaste in lista di attesa. Al momento dell’assegnazione gli ortolani non hanno pensato a contrattare condizioni migliori e ora, in vista del nuovo bando, questo passaggio genera molti malumori perché gli ortolani non intendono cedere il loro orto. Probabilmente 5 anni fa avranno pensato: poi si vedrà, intanto le cose cambiano… Infatti ora la Circoscrizione sta pensando ad una proroga di qualche anno, che non risolverà il problema ma l’allontanerà nel tempo.

Un problema di numeri

A Mirafiori ci sono circa 800 orti, di cui 100 regolamentati, è abbastanza chiaro che la città non sarà mai in grado di soddisfare la domanda. Proprio per questo motivo chi è in possesso di un orto che coltiva con cura perché dovrebbe cederlo? La durata di 5 anni è una forzatura dettata dal regolamento che non corrisponde né ad un tempo biologico delle piante, né ad un tempo umano legato agli usi. Per evitare lo scontento dell’ortolano che diventa ex-ortolano, o dell’aspirante ortolano che vede prolungarsi i suoi tempi di attesa, si potrebbe accelerare l’ingresso di nuovi ortolani attraverso la riassegnazione degli orti abbandonati e di quelli gestiti in maniera irregolare (subaffitto e gestione di più orti da parte di uno stesso individuo).

A scala cittadina altra strada per soddisfare tutti gli aspiranti ortolani potrebbe essere quella di istituzionalizzare gli orti spontanei. Trovate una sintetica descrizione degli orti istituzionalizzati sulla mappa del Parco agricolo del Sangone, a breve miraorti testerà la fattibilità della proposta attraverso una campagna di interviste.

Presto ve ne parleremo più approfonditamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *