55

La ramée

E’ una tecnica per utilizzare sfalci e resti di potature traendone vantaggio, imparata dal collettivo di paesaggisti atelier le balto durante i workshop a Villa Romana.

ramé 11
Spesso nella normale gestione di parchi e giardini i residui dei lavori di giardinaggio vengono considerati rifiuti e smaltiti altrove. La ramée è un modo per utilizzare all’interno dell’area i propri residui in modo da avere una gestione autonoma e autosufficiente dal punto di vista della circolazione della materia.

Bisogna individuare nel giardino uno spazio dove si vuole migliorare il terreno e magari infoltire la vegetazione favorendo la germinazione spontanea. Con i rami e resti delle potature si comincia a tracciate una linea sul suolo, i rami devono essere intrecciati avendo l’accortezza di inserirli sempre nello stesso senso, in questo modo si avrà una buona stabilità e un bel risultato. Si continua ad aggiungere rami ispessendo la ramée a poco a poco fino a ottenere un grande cordone. L’altezza e la larghezza media è di circa un metro e può essere lunga quanto la si vuole. E’ preferibile usare rami, tronchi e ramaglie; tutto il materiale troppo voluminoso per andare nel compost.

ramé 1 ramé 4 ramé 2 ramé 3 ramé 12
Dopo qualche mese la materia organica comincerà e deteriorarsi arricchendo il suolo sottostante. La ramè funzionerà anche da barriera impedendo il calpestio del terreno, in questo modo nell’arco di un anno o due (l’attesa cambia in base alla dimensione dei rami) si avrà del buon terriccio, ricco di materia organica e ben aerato, pronto da coltivare.

ramé 8

Dal punto di vista ecologico è molto simile alla funzione protettiva svolta dai rovi verso le giovani piante legnose. I rovi impedendo l’accesso agli animali selvatici (e al giardiniere) offrono riparo ai giovani alberi che in questo modo possono germinare e crescere indisturbati per primi anni. Nell’evoluzione da prato a bosco i rovi sono il tassello essenziale perché i futuri alberi possano svilupparsi. Per questo motivo una ramée funziona anche da nursery, una riserva per la biodiversità molto importante soprattutto per spazi antropizzati come gli orti o i giardini. Dopo qualche anno se saranno arrivate delle specie che riteniamo interessanti le si possono selezionare e mantenere.

ramé 13 ramé 5 ramé 6 ramé 7 ramé 9
Un modo ecologicamante virtuoso per trasformare i rifiuti in risorsa e che permette di disegnare nuovi spazi favorendo l’arrivo di piante legnose in determinati punti per ottenere una siepe mista o un allineamento di alberi.

ramé 10
ramé 12
A miraorti con i primi lavori dell’orto collettivo abbiamo cominciato a fare una ramée che nei prossimi mesi, con le potature degli arbusti e degli alberi da frutto, continuerà a estendersi. Questa ramè sarà utilizzata per migliorare il terreno che si trova ai margini della strada per poi poterci piantare nei prossimi anni. Dato lo spazio esiguo e la prossimità con gli orti non sarà in questo caso l’anticipazione di una futura siepe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *